Portoghese IngleseSpagnoloFrancese
Una breve storia dell’uva – Capitolo 1

Una breve storia dell’uva – Capitolo 1

Nel nostro pellegrinaggio all’Universo del vino, abbiamo imparato molto sulla bottiglia di vino, il suo aspetto e il suo formato standardizzato, penetriamo anche nel mondo dei tappi di sughero – un compagno inseparabile del vino -, entriamo nella storia e nello sviluppo delle etichette. Informazioni che non solo ci hanno reso più familiari con questa bevanda preziosa, ma ci hanno anche aiutato a formare una cultura del vino piuttosto ampia.

“Il vino è sinonimo di cultura”.

E per continuare questo percorso culturale, ENOVÍRTUA ti porta, sia degustatore, enologo, produttore, venditore, sommelier, chef de cuisine, per ogni appassionato di vino o professionista, la storia del grande protagonista di questo prezioso nettare degli dei – l’uva.

1.1 vite e uva

http://2.bp.blogspot.com/_Jd0JrUWSORw/TI0TnQN9VrI/AAAAAAAAA6A/1Uvtg3t45wg/s1600/vinha.jpg

Le origini della vite e dell’uva sono così antiche da diventare leggendarie: alcune di esse tracciano l’origine della vite ad Adamo ed Eva, affermando che il frutto proibito del Paradiso Terrestre era l’Uva succulenta e non la mela anonima; i primi testimoni della pratica della viticoltura si trovano in Genesi (capitolo 9) quando Noè, alla fine del Diluvio Universale, atterrò sul terreno, piantò la vite e fu ubriaco del suo vino inebriante. Venendo a tempi più recenti, molti affermano che la vite ha origine in India e che nel terzo millennio aC si diffuse prima in Asia e poi nel bacino del Mediterraneo.

Si ritiene che si sia sviluppata intorno al 7500 aC nella regione del Transcaucasus, che corrisponde oggi all’Armenia e alla Georgia.

http://www.worldatlas.com/webimage/countrys/europe/amnewzzz.gif

Da allora fino all’era classica, la coltivazione del vigneto si è diffusa in quasi tutti i paesi del Mediterraneo fino a raggiungere il Medio Oriente.

Si ritiene che i vigneti di Muscat e Syrah siano i più antichi del mondo, come indica l’etimologia dei loro nomi. I reperti archeologici rintracciano i primi esperimenti di produzione di vino nel periodo neolitico (8000 aC). In Turchia e Giordania sono stati trovati enormi depositi di contenitori di vino che suggeriscono che l’uva era già spremuta. A quel tempo, tuttavia, il vino era ottenuto da uve selvatiche, mentre le prime prove di qualsiasi attività di viticoltura risalgono alla Georgia 3000 anni dopo, nell’età della pietra.

http://vins-france.com/rtefiles/images/travertin.jpg
In Occidente, la cultura della vigna era già prominente in Armenia (Mesoptamia), dove la prima rivoluzione dell’umanità avvenne con l’abbandono della vita nomade da parte di alcune comunità per la conseguente nascita dell’agricoltura. È l’area della “mezzaluna fertile” tra i corsi dei fiumi Tigri ed Eufrate, la patria dei cereali e il laboratorio per la scoperta dei processi fermentativi da cui discendono il pane, il formaggio e la bevanda euforica.
Alcuni glifi egiziani risalenti al 2500 aC descrivono già vari tipi di lavoro con l’uva. Nell’antico Egitto la pratica della vinificazione era così consolidata che nel corridoio funerario del faraone Tutankhamon (1339 aC) c’erano anfore contenenti vino su cui erano rappresentate l’area di provenienza, il raccolto e il produttore; alcuni dei quali contenevano vino invecchiato molti anni fa. Dall’Egitto, la pratica della produzione e dell’elaborazione dell’uva si diffuse agli ebrei, agli arabi e ai greci: quest’ultima dedicava anche al vino una divinità, Dioniso, il dio della convivenza.

http://antigoegito.org/wp-content/uploads/2010/11/tumbadeNakht.jpg

http://www.bonde.com.br/img/bondenews/2011/11/img_1_31_1807.jpg

Fonte: http://www.zipmec.com/uva-storia-produzione-commercio-guida-frutta.html

 

Nel prossimo capitolo parleremo dell’inizio della produzione e dell’elaborazione dei vini in Italia e poi parleremo delle uve italiane. Arrividerci!