Portoghese IngleseSpagnoloFrancese
Che cosa e’ necessario per capire l’etichetta del vino, come scegliere un vino da etichetta

Che cosa e’ necessario per capire l’etichetta del vino, come scegliere un vino da etichetta

https://www.google.com.br/search?hl=pt-BR&tbm=isch&source=hp&biw=1242&bih=602&ei=O6P5Wo7IJsqmwgSxz6vQAg&q=r%C3%B3tulo+de+vinho&oq=r%C3%B3tulo+de+vinho&gs_l=img.3..0l3j0i30k1l2j0i8i30k1.1047.4832.0.5338.15.14.0.1.1.0.296.2492.0j2j9.11.0….0…1ac.1.64.img..3.12.2495….0.4XcrhSMR7w0#imgrc=TqZonfJBljxDRM

Anche se è semplice, questo è un dubbio molto comune e causa una certaconfusione quando si seleziona un vino per l’acquisto e per il consumo. Alcuneosservazioni fondamentali sono passate attraverso l’etichetta del vino. Tuttavia,devi sapere come capire queste informazioni. Solo il formato della bottiglia, il lussoe la bellezza dell’etichetta non sono sufficienti per determinare la tua scelta. Ènecessario essere attenti a tutti gli aspetti e le caratteristiche di un buon vino. Moltodi ciò viene espresso e identificato nelle etichette che eserce un tipo diidentificazione del vino.

Sala di Redazione Enovírtua

L’etichetta è il certificato di nascita del vino.

Per sapere esattamente cosa si sta acquistando, è essenziale comprendere le principaliinformazioni contenute in essa.

In questo modo, si riduce al minimo le possibilità di acquistare un prodotto che noncorrisponde alle vostre aspettative.

In questo articolo vedremo etichette di vini di diverse regioni, alcune più semplici e altrepiù complesse, tutte con informazioni fondamentali per scegliere un buon vino.

Continua a leggere per imparare come fare la corretta lettura di un’etichetta di vino e nonsarai mai più confuso al momento dell’acquisto.

Due tipi di base di etichette di vino

Fondamentalmente, ci sono due tipi di etichette di vino che possiamo trovare:

1) Etichette di vini del nuovo mondo

Sottolineano principalmente il nome del vino e l’uva (s) che lo compongono (Merlot, Cabernet Sauvignon, Chardonnay, tra gli altri). Sono comuni nei vini di paesi come Brasile, Argentina, Cile, Sud Africa, Stati Uniti, Australia, tra gli altri.

 

2) Etichette di vini del vecchio mondo   

Sottolineano il produttore e la regione in cui sono state coltivate le uve (Bordeaux, Champagne, Rioja, Chianti, tra gli altri). Sono comuni nei paesi del vino come Francia, Italia, Spagna, Portogallo, tra gli altri.

Informazioni principali trovate nelle etichette dei vini

Di seguito vedrete diverse etichette di vini del nuovo e del vecchio mondo, doveevidenzierò i termini più comuni trovati su queste etichette.

Nome del vino 

Il nome di solito acquista una grande importanza sull’etichetta, principalmente nei vinidel nuovo mondo.

Molte cantine hanno diverse linee di vino e, per identificarle, ogni linea riceve il proprionome.

La cantina cilena Concha y Toro, ad esempio, possiede i vini Don Melchor, Marques deCasa Concha, Casillero del Diablo, tra gli altri.

Nome del produttore 

Il nome del produttore appare spesso con enfasi.

Può essere una grande azienda o una piccola azienda vinicola di famiglia.

Alcuni produttori non danno un nome specifico ai loro vini, usando solo il nome dellacantina stessa, spesso seguito dal nome dell’uva e dalla vendemmia.

Varietà di uve 

Molti vini (principalmente del nuovo mondo) presentano sull’etichetta una o più uve chesono state utilizzate nella loro produzione.

Questo aiuta il consumatore ad avere un’idea dello stile e del sapore del vino che staacquistando, oltre naturalmente ai piatti che possono essere armonizzati con esso.

Quando il vino viene prodotto con una sola varietà di uva (o una grande percentuale diesso) è chiamato vino varietale.

Se viene prodotto con due o più uve, viene chiamato vino da taglio o da assemblage.

Per capire meglio, leggi l’articolo completo sui vini varietali e sui vini da taglio.

Regione d’origine 

La regione in cui è stato prodotto il vino ha maggiore risalto nelle etichette dei vini delvecchio mondo, dove spesso indica la qualità superiore di un vino.

Alcune regioni sono conosciute per avere il clima e terreni adatti per la coltivazione dialcune uve, come nel caso della regione di Chablis, in Francia, famosa per la produzionedi uve bianche Chardonnay, o Bordeaux, noto per i suoi vini rossi. base di CabernetSauvignon e Merlot.

Oltre alla regione di origine, molti vini evidenziano le subregioni – aree più piccole conterreni e microclimi con caratteristiche particolari che si trovano all’interno di regionipiù grandi.

Un esempio è il comune di Saint-Émilion, a Bordeaux, in Francia.In generale, più specifica è l’origine delle uve, potendo essere una subregione o anche uncerto vigneto, più raffinato è il vino e più alto è il suo prezzo.

Vendemmia 

La raccolta indica l’anno in cui sono state prese le uve.

È un’informazione molto importante, dal momento che alcuni vini possono migliorarenel tempo, mentre altri perdono le loro migliori caratteristiche.

In generale, la maggior parte dei vini bianchi e rosati dovrebbe essere consumati entro 2o 3 anni, mentre la maggior parte dei vini rossi dovrebbe essere consumata in massimo 5anni.

Ci sono anche i vini di guardia, quelli che possono evolversi per molti anni e persinodecenni.

I vini che non hanno la raccolta in etichetta, come la maggior parte degli spumanti e deivini Oporto, sono decorati con uve raccolte in anni diversi.

Denominazione di origine 

È una sorta di sigillo di qualità concesso da istituzioni governative di diversi paesi, principalmente del vecchio mondo.

La certificazione garantisce che il vino è stato prodotto all’interno di una regionedefinita, nel rispetto di tutte le regole di produzione imposte a questa regione.

Le aziende vinicole che acquisiscono il marchio hanno un’alta reputazione e ilconsumatore guadagna, almeno in teoria, la garanzia di acquistare un prodotto di qualità.

Alcune denominazioni di origine più comuni nelle etichette dei vini sono:

• AOC – Appellation d’Origine Contrôlée (Francia)
• DO – Denominación de Origen (España) y Denominación de Origen (Brasil)
• DOC – Denominación de Origen Controlado (Portugal) y Denominación deOrigen Controlada (Italia)
• DOCG – Denominación de Origen Controllata y Garantida (Italia)
• QBA – Qualitätswein Bestimmter Anbaugebiete (Alemania)

Maturazione e invecchiamento 

Vini che hanno avuto particolare cura durante la vendemmia, selezione delle uve,vinificazione e che ha attraversato un periodo di maturazione in botti di rovere eaffinamento in bottiglia, hanno generalmente impressi sulle loro etichette i terminiRiserva, Reserva e Gran Reserva.

Tuttavia, l’uso dei termini non è lo stesso in tutti i paesi, poiché solo le regioni vinicoledella Spagna e dell’Italia dispongono di regole specifiche per l’uso delle nomenclature.

Agli altri paesi del vino non è vietato usare i termini, ma poiché non ci sono regolamential di fuori della Spagna e dell’Italia, molti produttori li usano senza molto discernimento.

Il termine Riservato non significa assolutamente nulla.

I vini che portano questo titolo sono, nella maggior parte dei casi, i vini di entrata dimolte cantine, cioè i vini più semplici prodotti dal produttore.

Per capire meglio, leggi l’articolo completo su Riserva e Vini riservati.

Graduazione alcolica 

 

L’alcol contribuisce alla longevità del vino.

Più alcol hai, più tende a durare, sia chiuso oanche dopo che è stato aperto.

I vini con il più alto contenuto alcolico saranno più caldi e più pesanti al palato.

I vini fortificati sono quelli che hanno più alcol e possono raggiungere il 22% vol.

Altre informazioni rivolte nelle etichette dei vini 

Successivamente vedrai altre informazioni che possono essere trovate sulle etichette deivini. Questi, non sono comuni come i precedenti, ma meritano di essere menzionati.

 

Imbottigliamento originale 

Questa informazione mostra che il vino è stato prodotto e imbottigliato nella cantina onel castello stesso.

Alcune aziende vinicole commerciali comprano uva o vino proprio da alcune aziendevinicole e fanno il proprio imbottigliamento ed etichettatura.

Precedentemente questa pratica non era ben vista, poiché non c’era molto controllo suciò che queste società hanno fatto con il vino dopo averlo acquistato per la rivendita.

Poiché alcuni di questi vini hanno raggiunto i consumatori con una qualità ben al disotto delle aspettative, molte cantine hanno iniziato a sottolineare nelle loro etichette chei vini venivano prodotti nell’imbottigliamento alla fonte, cioè nella stessa cantina.

Le più comuni menzioni sull’origine del vino nelle etichette sono:

• Mis en Bouteille au Château (Francia)
• Mis en Bouteille à la Propriété (Francia)
• Mis en Bouteille au domaine (Francia)
• Embotellat a la Propietat (Spagna)
• Imbottigliato all’origine (Italia)
• Erzeugerabfüllung (Germania)

Età dei vigneti 

I vecchi vigneti tendono a produrre frutti con aromi più concentrati che producono viniconsiderati superiori.

Per aggiungere più valore al vino, alcuni produttori mostrano queste informazioni sulleloro etichette, generalmente usando frasi come:

• Viñas Viejas
• Vieilles Vignes
• Old Vines
• Entre otras

Qualità del terreno o reputazione della cantina (Cru) 

Il termine Cru è stato creato in Francia, più precisamente in Borgogna, peridentificare parte di un vigneto il cui vino presenta alcune caratteristichespecifiche, raccolte dopo la raccolta.

I terroirs considerati di migliore qualità, hanno vinto i nomi Grand Cru e PremierCru.

A differenza della Borgogna, a Bordeaux il termine Cru viene utilizzato peridentificare i castelli più rinomati.

 

Fonte: http://vidaevinho.com/como-ler-um-rotulo-de-vinho/